Da Museo del Tessile e Sartoria Sociale 2000 mascherine protettive per il Chierese

Mascherina Sartoria Sociale

Il cotone c’era già, da 200 grammi a metro quadro. L’elastico si è rimediato in uno slancio di collaborazione collettiva. Ed è stato così che dalla Sartoria Sociale di Chieri sono uscite 2000 mascherine doppio-strato per uso civile, lavabili e riutilizzabili, distribuite o in distribuzione in tutto il territorio chierese...

Leggi di più >

Sartine, tessitrici e tintori chieresi

La storia quotidiana del Piemonte è infarcita di sartine, tessitrici e tintori. Figure che hanno contribuito allo sviluppo della loro terra assai più degli operai, anche perché ne hanno saputo anticipare e determinare i cambiamenti. Nel rapido passaggio dalle botteghe artigianali alle grandi industrie, il tessile è stato fonte di...

Leggi di più >

I cortili del Tessile

C’erano i cimatori, i drappieri, i fustanieri, gli imbiancatori, i “licciatori”, i mercanti-merciai e i tintori. Ma dal Cinquecento al Settecento a Chieri più della metà della popolazione era in un modo o nell’altro impegnata nell’attività tessile. Camminando per le strade cittadine ovunque nei quartieri si sentivano distintamente i colpi...

Leggi di più >

La “filanda” di villa Moglia

Nota ai più come splendida residenza signorile, villa Moglia nacque in realtà sui terreni di una filanda. Ad acquistare l’appezzamento per l’opificio e per le coltivazioni di gelso era stato, all’inizio del 1600, Ercole Turinetti, figlio di Domenico, modesto poirinese attirato a Chieri dalle più ampie prospettive di affari che...

Leggi di più >

Gli operai del tessile

Più telai, più tessuti, più operai. L’arte tessile a Chieri giunge al suo pieno sviluppo tra Ottocento e Novecento portando con sé anche un notevole incremento demografico, con 1109 addetti nel settore nel 1862 che diventano 7000 nel 1907, quando la popolazione tocca i 15 mila abitanti complessivi. Le fabbriche...

Leggi di più >

Le vie del fustagno

Proprio nei porti i chieresi costruivano le loro fortune tessili. Perché Chieri paradossalmente viveva sulla lavorazione di materie prime provenienti d’oltremare. Merci che, una volta trasformate in pezze, venivano nuovamente destinate ad altre aree del mondo. Ai mercanti- imprenditori non rimaneva che intercettare i cotoni grezzi nei magazzini portuali di...

Leggi di più >

L’Università del Fustagno

Era nata come una corporazione professionale, a difesa di interessi economici comuni, divenne in realtà un’istituzione capace di incidere sulla vita sociale e culturale di tutta Chieri. L’Università del Fustagno fu fondata nel 1482, quando l’arte del tessile a Chieri era in piena espansione. Per la verità la corporazione era...

Leggi di più >

I maestri del fustagno

Un “maestro” artigiano nel Medioevo non era mai un salariato. Piuttosto era un datore di lavoro, in grado di sorvegliare tutte le fasi della lavorazione secondo le regole dell’arte. I maestri fustanieri, di cui si fa menzione nelle cronache chieresi sin dal XIV secolo, non facevano eccezione. Erano mercanti-imprenditori capaci...

Leggi di più >